new work

vas, 23 ottobre: presentazione di “a little song”, nuova opera di fabiano de martin topranin

presentazione opera a little song di fabiano de martin topranin
venerdì 23 ottobre 2015, ore 11.00
ex cartiera di vas (comune di quero vas, bl)
via case sparse, località vas

continua il lavoro di dolomiti contemporanee all’interno del progetto radici future, realizzato dall’unione dei comuni del basso feltrino sette ville – alano di piave e quero vas e finanziato dalla regione del veneto (l.r. 11/2014, art.9, “celebrazioni peri il centenario della grande guerra”). 
il progetto mira alla valorizzazione dei luoghi della grande guerra, come motori di memoria e conoscenza, ma anche quali possibili scenari futuri, oltrechè alla riqualificare e valorizzare di alcuni punti e siti strategici lungo la piave, come appunto l’ex cartiera di vas.

e così, dopo la mostra collettiva paper weight, inaugurata lo scorso 11 settembre negli ambienti straordinari dell’ex cartiera, venerdì 23 ottobre, alle ore 11.00, sarà la volta di fabiano de martin topranin. l’artista, scultore ligneo originario di padola di comelico, si è distinto negli ultimi anni come uno dei migliori interpreti della scultura lignea contemporanea in italia, sapendo unire in una misura originale la capacità tecnica, la forza del dinamismo plastico, la poetica immaginativa intima e sottile. la presentazione dell’opera avverrà presso la sede dell’associazione lacharta all’ex cartiera di vas, e sarà aperta al pubblico.

l’opera, realizzata dall’artista all’interno delle attività di dolomiti contemporanee di radici future, viene acquisita in modo permanente dal comune di quero vas, che, nei prossimi mesi, la valorizzerà presentandola in diverse location legate ai percorsi della grande guerra, come i musei dedicati a tale tema presenti nell’unione dei comuni del basso feltrino sette ville.

il lavoro:
a little song è un lavoro che apre e suggerisce una serie complessa di temi legati alla guerra, ed in particolare alla figura del bambino di fronte ad essa, ed ai meccanismi di vario tipo che essa instaura ed impone.
il bambino, ogni bambino, gioca alla guerra, ed in ciò si manifesta già una parte di un istinto proprio dell’uomo, l’istinto alla predazione, l’istinto, in parte innato, di difesa/attacco, l’istinto alla caccia e all’aggressione. eppure, contemporaneamente, il gioco della guerra pare nient’altro che gioco, e il bimbo è innocente e puro nel muovere attraverso i processi psicologici e cognitivi automatici che il regime politico della morte, strumentale agli interessi delle fazioni, gli impone, trasformandolo in una convinta (fino a qual fondo?) ed efficace macchina antagonista. vi è, in questo sviluppo coattivo, “un’inconsapevole predisposizione all’atrocità”, che colpisce, nel corpo e nella mente vergini d’esperienze guerresche del pallido bimbo. e vi sono molte altre cose, in quest’opera, le tracce di gravi moti a venire, come ad esempio la “potenza di fuoco quale anticipazione dell’imminente esplosione ormonale”, rappresentata dal palco d’armi su cui il bimbo stesso si erge. il gesto simbolico che egli compie, il canto dell’inno, è direttamente legato alla manifestazione dello spirito patriottico, che mette in gioco e legittima la catena delle reazioni pugnaci all’interno del contesto della guerra. così, mentre il bimbo canta la sua little song for my little country, egli sta giocando, e contemporaneamente sta dichiarandosi parte inconsapevole del meccanismo distruttivo che lo incapsula, trasformando la sua inerme naturalità in un’arma offensiva nutrita dalle ombre interiori che si annidano nel cuore d’ogni uomo, da sempre. lo spirito patriottico, dunque, sorto dall’indistinto primordiale del ventre e della paura inflitta all’uomo dagli eterni strateghi della politica del conflitto, e mai nato da una decisione razionale, o da una libera scelta morale. “tutti con le pistole dei generali puntate alla schiena”. e cosa canta il giovanetto, a cosa inneggia, convinto, in postura di piccolo guerriero, i pugni chiusi, la testa alta? canta le gesta eroiche che ha imparato dai testi della propaganda, quei testi con i quali si è voluto insegnare al suo giovane cuore potente come sia giusto perire, nel fuoco nemico o amico che sia. concuncarglielo, nella testa fertile, sfruttando il sedime della sua infantile plasticità mentale, per impressionarla con tecniche stumentali al predominio di uomini su altri uomini, attraverso la morte portata, questo si è voluto fare.
“nel fumo dello spazio un bambino gioca. e canta una piccola canzone”. e la tensione dei suoi muscoli e fibre pare quasi una possessione. e il suo corpo esce da sé, per varcare le porte del macello, ed egli non è più in sé, ma in loro, e forse non saprà più rientrare. a breve le foto

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *